lunedì 5 giugno 2017

Chiusura dei campi rom (durerà?)

In questi giorni si parla della chiusura dei campi Rom. È l'Unione Europea a imporlo.
Io lo avrei chiusi da tempo dato che esiste una legge molto chiara per cui i campi rom servivano solo per soste temporanee e non decennali.

Esistono altre leggi molto chiare che non vedo applicate:
- sfruttamento minorile per accattonaggio;
- obbligo scolarizzazione dei minori;
- furti di rame e qualsiasi altro bene;
- occupazioni abusive di case popolari;
- sfruttamento di utenze non allacciate all'utente;
- ecc

È da decenni vedo rom chiedere elemosina con minori al seguito, con l'attanti in braccio, passare quotidianamente per le strade a raccattare "ferro vecchio" senza alcun controllo su dove smaltiscono ciò che a pagamento caricano (frigoriferi, divani, ecc.), rom che occupano case popolari assegnate ad altre persone e che non vengono sgomberati. Eppure le leggi esistono e sono chiare.

UE stanzia fondi per chiusura campi rom, per scolarizzazione, lavoro e casa.

Mentre persone non rom finiscono in strada dopo aver perso il lavoro e dove famiglie vengono divise: madri con minori in casa famiglia, deve il posto e gli uomini in strada, o al massimo nel circuito dormitori, mense, docce, UE stanzia i fondi non per chiudere i campi rom che sarebbe cosa buona e giusta, ma per accoglierli mentre parallelamente si cacciano e mettono in strada i cittadini.

Sono i soldi di UE mica nostri.
Anche il circuito immigrazione utilizza fondi europei (mica nostri). Quindi dovremo fregarcene di tutto ciò che abbiamo letto in questi anni. Il concetto è il medesimo.

Dunque: si chiudono i campi rom e si utilizzano soldi europei per dargli un lavoro, il bonus casa e mandare a scuola i minori rom.
Quindi secondo UE non importa che in Italia esistono liste di attesa che puntualmente vengono già superate dalle occupazioni abusive.
Abbiamo anche il buono casa: finora utilizzato solo per far uscire dai CAT ora anche per i rom.
5000 euro di cauzione; 1000 a forfait per l' affittuario per spese iniziali e dai 600 ai 700/800 mensili per la locazione solo per appartamento inclusi in una lista che fino a fine aprile non era aggiornata, per cui non era visibile.

In realtà questa storia del buono casa per i rom c'è da un bel pezzo. A me fece richiesta un'assessora dell'ex sindaco Marino. Prezzi dai 600 agli 800 euro al mese coprivano. Sempre che poi il comune paghi puntualmente e non interrompa quando vuole lasciando il fardello ai proprietari.

Per carità qualcuno che affitta qualche immobile sfasciato lo si trova anche, tempo fa ne ho visti alcuni affittati previa agenzia in condizioni vergognose, pavimenti spaccati, muro crepati, stanze senza finestra, circa 50 mq a 550 euro al mese in estrema periferia romana. Altri "appartamentini" che stanno sotto la strada, presumo ex garage.
Dubito fortemente che metteranno a disposizione delle case ben fatte. A meno che non si ricominci con un sistema stile cat, i famosi residence che per chiuderli tutti pare ci voglia la mano del Signore.
Considerando che anche quelli nascevano come temporanei.

Quindi i fondi UE premiano i rom. Parallelamente però continuiamo a non applicare la legge. Nel frattempo abbiamo grappoli di processi verso innocenti. Tanto per far vedere che il lavoro è tanto.


Nessun commento: